I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies.
In che modo Oscar Marcheggiani utilizza i cookie:
Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.
I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.
Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
Puoi visualizzare qui sotto un elenco dei tipi di cookie:
Nel tuo browser potrebbero essere memorizzati alcuni o tutti i cookie elencati qui di seguito. Puoi visualizzare e gestire i cookie nel tuo browser (anche se è possibile che i browser per dispositivi mobili non offrano questa visibilità).
Preferenze: Questi cookie permettono ai siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.
Sicurezza: i cookie di sicurezza sono utilizzati per autenticare gli utenti, prevenire l'uso fraudolento delle credenziali di accesso e proteggere i dati degli utenti da soggetti non autorizzati. La combinazione di questi due cookie permette di bloccare molti tipi di attacchi, ad esempio i tentativi di rubare i contenuti dei moduli che completi sulle pagine web.
Processi: I cookie dei processi contribuiscono al funzionamento dei siti web e all'offerta dei servizi che i visitatori si aspettano di trovarvi, ad esempio la possibilità di navigare tra le pagine o di accedere ad aree protette del sito. Senza questi cookie, il sito non può funzionare correttamente.
Stato della sessione: I siti web spesso raccolgono informazioni sul modo in cui gli utenti interagiscono con essi. Ciò può includere le pagine visitate più spessodagli utenti e l'eventualità che gli utenti ricevano messaggi di errore da determinate pagine. Utilizziamo questi "cookie relativi allo stato della sessione" per migliorare i nostri servizi e l'esperienza di navigazione dei nostri utenti. Il blocco o l'eliminazione di questi cookie non renderà inutilizzabile il sito web.
Analytics: Google Analytics è uno strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Si può utilizzare un set di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche di utilizzo del sito web senza identificazione personale dei singoli visitatori da parte di Google.
Gestione dei cookie nel browser:
Alcune persone preferiscono non abilitare i cookie e per questo motivo quasi tutti i browser offrono la possibilità di gestirli in modo da rispettare le preferenze degli utenti.In alcuni browser è possibile impostare regole per gestire i cookie sito per sito, opzione che ti offre un controllo più preciso sulla tua privacy. Ciò significa che puoi disabilitare i cookie di tutti i siti, ad eccezione di quelli di cui ti fidi.Nel browser Google Chrome, il menu Strumenti contiene l'opzione Cancella dati di navigazione. Puoi utilizzare questa opzione per eliminare i cookie e altri dati di siti e plug-in, inclusi i dati memorizzati sul tuo dispositivo da Adobe Flash Player (comunemente noti come cookie Flash). Consulta le nostre istruzioni per la gestione dei cookie in Chrome.
Un'altra funzione di Chrome è la sua modalità di navigazione in incognito. Puoi navigare in modalità in incognito quando non vuoi che le tue visite ai siti web o i tuoi download vengano registrati nelle cronologie di navigazione e dei download. Tutti i cookie creati in modalità di navigazione in incognito vengono eliminati dopo la chiusura di tutte le finestre di navigazione in incognito.

 

Famagosta, un nome presente nella toponomastica di decine di città italiane grandi e piccole e di cui pochi conoscono il significato… Si tratta di un’antica città sull’isola di Cipro, la cui storia è legata ad una dinastia francese – i Lusignano – che ne fece una delle città più splendide di tutto il Mediterraneo, protagonista di molte crociate, con rapporti intensi e problematici tanto con Genova che con Venezia, fino alla drammatica conquista ottomana del 1571.  

Ma la storia di Famagosta e di Cipro non finisce con le gesta di Marcantonio Bragadin. Dopo tre secoli di dominazione turca, a seguito del disfacimento dell’impero ottomano arrivarono gli inglesi che ne fecero una colonia, fino alla tribolata indipendenza del 1960. Indipendenza che scatenò anni di feroci conflitti tra la comunità greca e quella turca.  A seguito di un colpo di stato da parte dei nazionalisti greco-ciprioti avente come obiettivo la riunificazione di Cipro alla Grecia (con l’appoggio dei colonnelli greci e della CIA), l’esercito turco invase Cipro nel luglio 1974. Si creò così la divisione dell’isola, che dura ancora oggi, tra Cipro Sud (greca) e Cipro Nord (turca).

Famagosta, che si trovava sulla linea di confine, fu abbandonata in poche ore dalla popolazione greca, ma l’ONU intervenne ad impedirne l’occupazione turca. La città venne chiusa da reticolati in attesa di un accordo tra le parti che consentisse il ritorno della popolazione greca, accordo che non fu mai raggiunto. Nacque così la città fantasma, rimasta per 40 anni terra di nessuno, un lugubre e inaccessibile scenario di sfacelo… Ne restò fuori la città vecchia, semideserta e bellissima, cinta dai bastioni veneziani e affollata dai ruderi delle sue innumerevoli chiese, su cui sono tuttora evidenti i segni del bombardamento ottomano del 1571. Su tutto domina la spettacolare cattedrale gotica di San Nicola, sorella gemella della cattedrale di Reims, che pare un reperto extra-terrestre piovuto dal cielo tra casupole e palmizi.

Le ultime vicende dell’isola si sono trascinate sino ad oggi e rimangono di attualità nell’agenda politica internazionale. Oltre ad essere una delle cause che hanno bloccato l’ingresso della Turchia nell’Unione Europea, la divisione di Cipro è stata oggetto di estenuanti negoziati promossi dalle Nazioni Unite, sfociati nel referendum del 2004 sul piano di riunificazione di Kofi Annan, piano approvato da Cipro Nord e respinto da Cipro Sud. Le recriminazioni per quest’esito sciagurato sono in parte ricadute sull’allora commissario europeo Romano Prodi, che garantì a Cipro Sud l’ingresso nell’Unione Europea indipendentemente dal raggiungimento di un accordo con i Turco-Ciprioti, spianando così la strada alla bocciatura del piano ONU. I negoziati continuano a tutt’oggi, ma nessuno pare più crederci.

La narrazione de “I fantasmi di Famagosta” ripercorre nella prima parte i 1400 anni di storia della città dagli albori fino all’invasione del 1974. Nella seconda parte, il libro diventa invece racconto di viaggio a Cipro Nord, con Famagosta quale meta finale, racconto che unisce alla descrizione delle bellezze artistiche e naturali dell’isola il resoconto delle testimonianze di coloro – greci e turchi – che vissero direttamente i drammatici avvenimenti dell’agosto 1974.

Indice dell'opera 
Scheda del lbro

ACQUISTA I LIBRI di Oscar Marcheggiani