I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookies.
In che modo Oscar Marcheggiani utilizza i cookie:
Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.
I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.
Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
Puoi visualizzare qui sotto un elenco dei tipi di cookie:
Nel tuo browser potrebbero essere memorizzati alcuni o tutti i cookie elencati qui di seguito. Puoi visualizzare e gestire i cookie nel tuo browser (anche se è possibile che i browser per dispositivi mobili non offrano questa visibilità).
Preferenze: Questi cookie permettono ai siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.
Sicurezza: i cookie di sicurezza sono utilizzati per autenticare gli utenti, prevenire l'uso fraudolento delle credenziali di accesso e proteggere i dati degli utenti da soggetti non autorizzati. La combinazione di questi due cookie permette di bloccare molti tipi di attacchi, ad esempio i tentativi di rubare i contenuti dei moduli che completi sulle pagine web.
Processi: I cookie dei processi contribuiscono al funzionamento dei siti web e all'offerta dei servizi che i visitatori si aspettano di trovarvi, ad esempio la possibilità di navigare tra le pagine o di accedere ad aree protette del sito. Senza questi cookie, il sito non può funzionare correttamente.
Stato della sessione: I siti web spesso raccolgono informazioni sul modo in cui gli utenti interagiscono con essi. Ciò può includere le pagine visitate più spessodagli utenti e l'eventualità che gli utenti ricevano messaggi di errore da determinate pagine. Utilizziamo questi "cookie relativi allo stato della sessione" per migliorare i nostri servizi e l'esperienza di navigazione dei nostri utenti. Il blocco o l'eliminazione di questi cookie non renderà inutilizzabile il sito web.
Analytics: Google Analytics è uno strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Si può utilizzare un set di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche di utilizzo del sito web senza identificazione personale dei singoli visitatori da parte di Google.
Gestione dei cookie nel browser:
Alcune persone preferiscono non abilitare i cookie e per questo motivo quasi tutti i browser offrono la possibilità di gestirli in modo da rispettare le preferenze degli utenti.In alcuni browser è possibile impostare regole per gestire i cookie sito per sito, opzione che ti offre un controllo più preciso sulla tua privacy. Ciò significa che puoi disabilitare i cookie di tutti i siti, ad eccezione di quelli di cui ti fidi.Nel browser Google Chrome, il menu Strumenti contiene l'opzione Cancella dati di navigazione. Puoi utilizzare questa opzione per eliminare i cookie e altri dati di siti e plug-in, inclusi i dati memorizzati sul tuo dispositivo da Adobe Flash Player (comunemente noti come cookie Flash). Consulta le nostre istruzioni per la gestione dei cookie in Chrome.
Un'altra funzione di Chrome è la sua modalità di navigazione in incognito. Puoi navigare in modalità in incognito quando non vuoi che le tue visite ai siti web o i tuoi download vengano registrati nelle cronologie di navigazione e dei download. Tutti i cookie creati in modalità di navigazione in incognito vengono eliminati dopo la chiusura di tutte le finestre di navigazione in incognito.

  

Sto facendo la doccia in un bagno che in tutto e per tutto somiglia al mio, quindi forse è proprio il mio. Mentre mi insapono la testa per farmi lo shampo, orrore! scopro di avere al polso sotto il getto d’acqua il Longines d’oro del 1958 lasciatomi da mio padre. La cosa mi sconvolge talmente che mi sveglio di colpo. Pfui, che spavento. Accendo la luce sul comodino, l’orologio è lì al suo posto, guardo l’ora, sono le sei del mattino, troppo presto per alzarmi. Ma anche troppo tardi per riaddormentarmi. Mi torna in mente la serata precedente, invitati a cena a casa di Dora e Antonio...


* * * * *

Con noi c’é un’altra coppia anziana piuttosto simpatica, Giancarlo e Piera. Durante l’aperitivo a base di Prosecco accenno al film “Romanzo di una strage” che io e Carla abbiamo appena visto al cinema. Un bel film, niente da dire, anche se la teoria delle due borse piene di esplosivo mi è parsa francamente cervellotica. Piazza Fontana, era il mitico 1969, la bomba nella Banca Nazionale dell’Agricoltura. Chi se la dimentica, fu l’inizio degli Anni di Piombo...
Giancarlo e Piera annuiscono gentilmente mentre disquisisco sul film. Mi ricordo bene di quei fatti, il commissario Calabresi ammazzato qualche anno dopo proprio sotto casa della nostra amica Patrizia, l’anarchico Pinelli, Valpreda, il tassista Orlandi e tanti altri personaggi. Ancora oggi è tutto un fitto mistero. “E tu, dico a Giancarlo, di cosa ti occupi?”

Leggi tutto: La donna che visse tre volte  

Una curiosa sensazione si è andata consolidando in me da quando ho cominciato a scrivere, a mano a mano che i racconti prendevano forma. Ho la sensazione, anzi la certezza, che lo scrittore non inventi nulla, le storie esistono già, come dimenticate in un misterioso scaffale dove lo scrittore deve andare a cercarle. Ricordate il racconto di Jorge Luis Borges “La Biblioteca di Babele”? Borges descrive una biblioteca spazialmente infinita composta di sale esagonali, che raccoglie disordinatamente tutti i possibili libri “in cui si susseguono sequenze di caratteri senza ordine, in tutte le possibili combinazioni.

Leggi tutto: Un treno per Nablus - Prefazione  

Mi sono spesso chiesto perché io abbia intitolato questo libro “Un treno per Nablus”. Effettivamente Nablus, che ho visitata alcuni anni fa e da cui ho preso spunto per uno dei racconti, ha un ruolo importante nel libro. Poiché la tesi è che le storie più sono vere più sono assurde, ebbene Nablus rappresenta – almeno nel mio limitato universo – una sorta di epicentro delle assurdità umane. Ma perché “Un treno per Nablus?”. Una risposta possibile è: chi si sognerebbe mai di andare in treno a Nablus? O forse l’ispirazione del titolo mi è venuta dal mitico film western “Quel treno per Yuma” che vidi da ragazzo e mi rimase per sempre impresso nella memoria. Chi lo sa. Naturalmente era indispensabile che nessun treno effettivamente andasse in quella città della Palestina, parendomi per qualche ragione che poterci andare in treno banalizzasse il mio titolo. Ho rovistato a lungo sul web su questo argomento e il risultato è stato che no, assolutamente nessuna linea ferroviaria esiste per Nablus e ciò mi ha molto rassicurato.

Leggi tutto: Perchè "un treno per Nablus"  

La storia siamo noi: le storie non vanno inventate, esistono già, basta vederle e prenderle al volo. Vicende personali diventano storia di un’epoca. La “grande storia” ci passa talvolta accanto, sconvolgente nella sua drammaticità o nei suoi paradossi, e sembra attraversarci come se fosse altro da noi. Non è così: tu puoi scordarti della storia, ma la storia non si scorda di te.

Leggi tutto: Un treno per Nablus  

Dopo la sciagurata partita persa dall’Italia contro il Cile ai Campionati del Mondo del 1962, di quel lontano paese sentii parlare di nuovo nei 12 mesi che passai ad Atlanta come studente del Georgia Tech nel 1970-71. Avevo infatti due colleghi di corso cileni. Era un’epoca in cui all’università si discuteva molto di politica. Eravamo, tra l’altro, nel pieno della guerra del Vietnam. Orbene questi due colleghi non la smettevano di litigare su un certo Salvador Allende, presidente cileno in fama di progressismo. Uno era dichiaratamente a favore, l’altro era ferocemente contrario, diceva che Allende era un pazzo comunista che stava trascinando il Cile in rovina. Il primo di costoro, quello favorevole, era una specie di hippy capellone e barbuto. Tra l’altro mi passò una sua ragazza, una commessa di supermercato che accettò di venire a farsi una pastasciutta nella mia camera (ero bravissimo a cucinare bucatini alla carbonara), e forse per un eccesso di pepe mi lasciò un antipatico ricordino che dovetti farmi precipitosamente curare. La combinazione di questi fattori mi convinse che c’era in Allende qualcosa che non andava, sicchè non mi stupii quando, un paio d’anni dopo, ci fu a Santiago la rivoluzione (i più dicono colpo di stato) e arrivò Pinochet.

Leggi tutto: Pinochet: Pol Pot o Cincinnato?  

ACQUISTA I LIBRI di Oscar Marcheggiani